Odraxolonk

Oggi ho trovato un odraxolonk. Non lo stavo nemmeno cercando – del resto, sarebbe da pazzi uscire di casa con l’idea di cercare un odraxolonk, senza mezzi appropriati e senza un’adeguata preparazione. Avevo semplicemente l’idea di fare quattro passi per le vie del centro, e poi forse di spingermi fino ai bordi della città, lungo il fiume, per avvistare qualche segno di primavera: a volte basta un riflesso sull’acqua, una primula, un’esitazione. Ogni cambiamento si manifesta con segni piccoli, quasi impercettibili.
IMG_9347Ero stanco, perché mi ero alzato presto, ma camminare mi pareva riposante, così come poter lasciare libero lo sguardo, senza schermi o file di parole che esigessero attenzione. Una semplice passeggiata, qualche volta, può corteggiare il mistero con più leggerezza rispetto a viaggi esotici o a sfibranti escursioni in luoghi sperduti. Che cosa c’è di più selvaggio della nostra stessa città? La tribù degli avvocati in giacca e cravatta è altrettanto indecifrabile che i tatuaggi di un antico guerriero polinesiano, il rito della pausa caffè, officiato da impiegati ciarlieri, è complesso quanto le variazioni di un canto sciamanico inuit. Io stesso, che mi muovo tra i portici e i viali, sono parte della scena, un elemento dell’intreccio di gesti e vicende. Ogni passo ricalca i passi di altre generazioni, il saluto al barbiere, allacciarsi le stringhe di una scarpa, acquistare un giornale, sedersi sul bordo di una panchina.
IMG_9346Davanti al palazzo del Governo c’è la scultura di una foca, che nella bella stagione spruzza un getto d’acqua dal muso. Ora la stanno restaurando: è ricoperta da un imballaggio di plastica e circondata da varie impalcature. Sotto la maschera il naso si protende verso l’alto, come alla ricerca di aria, di libertà, o magari di una palla da tenere in equilibrio. A mio parere, è proprio la foca ad avere attirato l’odraxolonk. Senza il caos del cantiere, non sarebbe potuto restare nascosto ai passanti. Probabilmente di giorno se ne rimane acquattato in un angolo, mentre di notte scivola fuori e prova a stabilire un contatto con la foca. L’odraxolonk è un animale assai timido ma pare che – non si sa bene per quale ragione – abbia un debole per le foche, specialmente per quelle di pietra.
IMG_9351Mi rendo conto ora che qualche lettore potrebbe ignorare la natura impetuosa eppure schiva di questa bestiola. L’odraxolonk infatti è estremamente raro. Per capire a fondo la sua conformazione, occorre precisare che si tratta di un incrocio nel quale affiorano i tratti di altre creature. Una di esse è l’odradek, descritto per la prima volta da Franz Kafka nel 1917. Assomiglia a un rocchetto per avvolgere il filo, che grazie a due stanghette può starsene ritto come su due gambe. Si sarebbe tentati di credere – annota Kafka – che questa struttura, una volta, abbia avuto una forma adeguata a una funzione, e che ora si sia rotta. Non sembra invece che sia così; […] l’insieme appare inservibile, ma a suo modo completo. L’odradek può stare in soffitta, nel sottoscala, nei corridoi, nel vestibolo. Magari passano mesi senza che si faccia vedere. Quando ride, sembra un fruscio di foglie secche. È capace di rimanere a lungo in silenzio. Io non ne ho mai visto uno mentre Kafka, che lo conosce bene, si domanda se possa morire: Tutto ciò che muore ha avuto prima o poi uno scopo qualsiasi, una qualche attività, e così s’è consumato. Ma l’odradek? Scenderà le scale trascinando filacce tra i piedi dei miei figli, e dei figli dei miei figli? Non fa male a nessuno, ma l’idea che possa sopravvivermi è quasi dolorosa, per me.
IMG_9360
Un’altra specie che ha dato origine all’odraxolonk è quella che gli scienziati chiamano Lacrimacorpus dissolvens, ma che è meglio conosciuta come squonk. Vive perlopiù nelle cicutaie della Pennsylvania, è di tinta cupa e in genere viaggia all’ora del crepuscolo. La pelle, che è coperta di verruche e di nèi, non gli calza bene, annota William T. Cox in uno studio del 1910. A giudizio dei competenti, è il più sfortunato di tutti gli animali. Rintracciarlo è facile, perché piange continuamente e lascia una traccia di lacrime. I cacciatori di squonk hanno più fortuna nelle notti di freddo e di luna, quando le lacrime cadono lente e all’animale non piace muoversi; il suo pianto s’ode sotto i rami degli oscuri arbusti di cicuta.
img_7243_1440_850_matthieu_cartonNon so come si siano potuti incrociare uno squonk e un odradek. Ma soprattutto, non so come abbiano potuto mescolarsi con la specie dell’axolotl. Mi permetto di citare da Wikipedia: L’Ambystoma mexicanum (Shaw, 1789), comunemente chiamato axolotl o assolotto, è una salamandra neotenica (compie l’intero ciclo vitale allo stadio di larva) che vive nel lago di Xochimilco, nei pressi di Città del Messico. È considerato una specie probabilmente estinta, per diversi fattori quali la pesca, l’inquinamento e la distruzione dell’habitat. A me è capitato di vederne un esemplare, un paio di anni fa, al Jardin des Plantes di Parigi. Ho poi letto un racconto di Julio Cortazar dedicato proprio a questa bestiola. La storia comincia così: Ci fu un’epoca in cui pensavo molto agli axolotl. Andavo a vederli nell’acquario del Jardin des Plantes, e mi fermavo ore intere a guardarli, osservando la loro immobilità, i loro oscuri movimenti. Ora sono un axolotl.
AxolotlFotoBlogCortazar cominciò a recarsi ogni mattina al Jardin des Plantes, qualche volta anche il pomeriggio. Il guardiano degli acquari sorrideva perplesso nel ritirare il mio biglietto. Io mi appoggiavo alla sbarra di ferro che corre lungo le vasche e stavo là a guardarli. Non c’è nulla di strano in questo, perché fin dal primo momento compresi che eravamo legati, che qualcosa d’infinitamente perduto e distante continuava nonostante tutto a tenerci uniti. Affascinato dal quieto raccoglimento dell’axolotl, l’autore sente nello stesso tempo la loro insondabile lontananza e la loro prossimità. Gli occhi degli axolotl mi parlavano della presenza di una vita diversa, di un’altra maniera di guardare. Con il volto contro il vetro (qualche volta il guardiano tossiva, inquieto) cercavo di vedere meglio i minuti punti aurei, quell’entrata al mondo infinitamente lento e remoto delle creature rosate.
IMG_9348Nascosto tra le impalcature, il piccolo odraxolonk mi guardava con occhi fissi, e nello stesso tempo ruotava leggermente la testa, come in un gesto di domanda o di supplica. Non sapevo bene che cosa fare, così l’ho messo nella mia borsa e l’ho portato a casa.
Un po’, in queste ore, abbiamo imparato a conoscerci. L’odraxolonk ha una pelle ruvida in alcuni punti, morbida in altri. Ha la capacità – ereditata dall’axolotl – di starsene a lungo immobile. Al crepuscolo l’ho sentito piangere: sembrava un lamento che provenisse da epoche smarrite, e che accogliesse in sé il dolore del mondo. Poi invece, dopo cena, l’ho udito che rideva nel sottoscala: era la risata senza polmoni dell’odradek, come un accartocciarsi di foglie autunnali.
Non si può dire che l’odraxolonk sia affettuoso. Però è di sicuro capace di slanci: a volte sente il bisogno di tenerezza, così come lo sentiamo tutti. Altre volte invece fa perdere le sue tracce, oppure si isola dal mondo, immerso in una muta contemplazione. Non ho ancora capito se sappia parlare, se abbia una qualche forma di linguaggio. Quando oscilla la piccola testa triangolare, sembra proprio che sia sul punto di pronunciare una parola. Ma poi abbassa lo sguardo sulle zampette, che sembrano due piccole mani, e si stringe nelle spalle, come a dire: non badare a me, non ti darò fastidio.
IMG_9353Forse si sente solo. Ho notato che apprezza la musica, particolarmente le note lunghe e lente (ho provato a suonare il sax, e mi pareva contento). Tra gli oggetti che ingombrano il mio sottoscala c’è una piccola rana giocattolo, e l’odraxolonk sembra esserle affezionato. Non so se in qualche modo, questo pomeriggio, l’axolotl e la rana siano riusciti a comunicare. Ma a giudicare dalla loro espressione soddisfatta, direi proprio di sì. Devo confessare che, nonostante l’odraxolonk sia un ospite squisito, talvolta sono un po’ preoccupato. C’è tutta una serie di domande alle quali ancora non ho trovato risposta: che cosa mangi l’odraxolonk, quando e quanto dorma, che cosa significhi quel cinguettio che a volte emette dal suo rifugio nel sottoscala. Se qualcuno tra i miei lettori ne sapesse qualcosa, lo invito a mettersi in contatto con me. Ve ne sarò molto grato.

 

PS: Ho registrato il cinguettio. Mi perdonerete se oggi non vi segnalo come di consueto i titoli dei libri che ho consultato. Mi limito a esprimere un invito alla lettura dell’autore argentino Jorge Luis Borges; forse lui, pur senza averlo esplicitamente nominato, potrebbe avere accennato in un suo verso a questa creatura segreta e sfuggente. Ma mi fermo qui. Non vorrei che, mentre me ne sto al computer, l’odraxolonk e la rana combinassero qualche guaio.

IMG_9358

Condividi il post

11 pensieri su “Odraxolonk

  1. Stranissima questa storia! Ma anche molto bella, proprio perché la fantasia s’intreccia con la realtà di una semplice passeggiata. Mi viene in mente che l’odraxolonk (che è dolcissimo!) sia un po’ il simbolo del mistero, delle cose strane, inspiegabili, di tutto quello che è vicino e lontano nello stesso tempo, un po’ come diceva Cortazar dello sguardo dell’axolotl… è una cosa possibile oppure sono io che mi metto in testa? Comunque, grande post, complimenti!

    1. Grazie mille, Ilaria. Sì, direi che è una cosa possibile. Ma nemmeno io sono un esperto: sto appena imparando a conoscere le complesse sfaccettature caratteriali e comportamentali di un odraxolonk.

  2. Ma che bello! Mi piacerebbe poter tenere in braccio un odraxolonk! Mi sembra molto caldo e mi piace il fatto che sia così serio, così triste, ma anche così appassionato. Andrea, sai dove posso trovarne uno anch’io?

    1. Non lo so, Lea. Mi spiace. Si tratta di un animale rarissimo; ancora non riesco a capire che cosa ci facesse a Bellinzona, accanto alla foca di pietra. Però sto studiando l’argomento e proverò a informarmi. Dopotutto non è escluso che, saltato fuori un odraxolonk, ne salti fuori un secondo. Vedremo. Buona giornata!

  3. Bel racconto! Un essere fantastico, innamorato di una foca monaca castamente intonacata, risultato dall’incrocio di tre esseri: due pure fantastici (che non potevano mancare nel “Libro degli esseri immaginari” del menzionato Borges) e uno reale in carne e ossa, anzi senz’ossa (che in quel libro non poteva starci). Il cinguettio? Sembrerebbe un lamento d’amore: ha nostalgia della foca. A meno che nel sottoscala non ci sia anche un dispositivo elettronico, escluderei Twitter.

    1. Grazie, Giovanni. In effetti, il cinguettio potrebbe essere un lamento d’amore. Ma tieni presente che l’odraxolonk ha fatto amicizia pure con la rana. Forse stiamo assistendo alla nascita di una sorta di triangolo?
      In realtà, scrutando gli occhi immensi e contemplanti dell’odraxolonk, si ha piuttosto l’impressione che non abbia l’abitudine di perdersi in tali schermaglie. Penso che innanzitutto cerchi due cose: comunicare il suo pensiero odraxolonkico in maniera precisa e ottenere (o dare?) un po’ di tenerezza in un mondo che, purtroppo, tende spesso a ostracizzare gli odraxolonk. Addirittura c’è chi pensa che non esistano!

  4. Bellissimo! Voglio comprare anch’io un odraxolonk! Dove si possono prendere?
    Mi piace perché mi pare che simboleggi tutto quello che c’è di sconosciuto intorno a noi, è come l’altra faccia della medaglia… e poi è vero, è tenerissimo!!! 🙂

    1. Gentile Lory, mi spiace ma temo che non sia possibile comprarne uno. L’odraxolonk è rarissimo in natura, e non esistono esemplari in cattività. Può capitare d’incontrarne uno per caso, sebbene anche gli esperti siano indecisi circa il suo habitat e le sue abitudini. In ogni caso, l’odraxolonk si può accogliere in casa come ospite, mai come prigioniero. Per ulteriori curiosità, forse può esserle di aiuto prendere contatto con la SOI (Società Odraxolonkica Internazionale), che annovera fra i suoi membri i maggiori specialisti in materia. Un cordiale saluto, buona giornata!

  5. Per completezza, vorrei annunciare che ho trovato una casa per l’odraxolonk. Dopo essermi consultato con la SOS (Società Odraxolonkica Svizzera) ho lasciato che ad accogliere la creatura fosse un’amica, che non vive lontano (così potrò passare di tanto in tanto a salutare l’odraxolonk). La SOS ha preparato un “certificato di custodia” e ora l’odraxolonk si sta ambientando. Pare che abbia trovato un’altra rana con cui fare amicizia e che, nelle ore del crepuscolo, ami rifugiarsi in una vecchia custodia di violino.
    Odraxolonk con violino (nella penombra)
    (La fotografia è mossa perché, all’ultimo momento, l’odraxolonk ha avuto uno dei suoi guizzi e si è rincantucciato nell’angolo in fondo a sinistra. Mi rendo conto che non si riesce a vederlo bene, anche per via del riflesso sul violino. Ma credetemi: non è facile fotografare un odraxolonk!)

  6. Caro Andrea
    Mi ricorda tanto la ricerca di Pippi, con Tommy e Annika, dello Spunk! Che felicità al momento del ritrovamento! La gioia per aver finalmente messo un oggetto, meglio un essere vivente, in relazione ad un nome fino ad allora senza volto! Immagino che anche il tuo Odra doveva avere un musetto molto carino. Speriamo solo che sia capace di difendersi dai mici…

    1. Cara Michaela,
      grazie mille per il tuo commento. Non avevo pensato allo Spunk introvabile di Pippi Calzelunghe; è un ottimo collegamento! Lo Spunk ha molti tratti in comune con l’odraxolonk: il mistero, l’anima elusiva e insieme giocosa, la tensione alla coincidenza fra nomi e cose (l’odraxolonk pare sempre sul punto di dire una parola). Sì, ha un musetto carino ma anche un po’ inquietante, con quegli occhi sempre spalancati. Penso proprio che con i gatti vada d’accordo, così come con le rane. Anzi, sono convinto che in qualche modo riescano a comunicare…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *